Calciomercato Juventus, Marotta su Amauri: “Colpa sua, lo avevamo avvisato” -

Vista la bufera scoppiata ieri dopo l’annuncio di Agnelli che Del Piero alla sua ultima stagione alla Juventus, le parole di Marotta al termine dell’Assemblea dei soci sul futuro di Amauri sono passate in secondo piano. Oggi ve le riproponiamo per evidenziare l’assurdit della situazione che si venuta a creare, con il giocatore prigioniero di una societ che lo ha messo fuori rosa e la societ prigioniera dell’ingaggio del giocatore da 4 milioni a stagione. L’addio scontato, anche se non si sa ancora se avverr a giugno oppure, come si augurano tutti, gi nella prossima sessione invernale di calciomercato: “Amauri sapeva a cosa stava andando incontro. Ha rifiutato delle offerte in estate, pur sapendo di non far pi parte del progetto tecnico, ha detto Marotta.

Il dg bianconero ha poi raccontato tutta la vicenda fin dal principio, ovvero allo scorso inverno: “A gennaio si deciso di trasferirlo in prestito al Parma: anche a causa di infortuni aveva realizzato solo un gol e, per il bene suo e nostro, stata preferibile la cessione temporanea. L'unico club che ha assecondato la nostra richiesta stato il Parma, ma con uno stipendio di 4 milioni ci siamo dovuti accollare l'incentivazione. A giugno Amauri stato informato di essere fuori dal progetto, c' stato l'interessamento del Marsiglia che gli avrebbe fatto firmare tre anni di contratto, ma il giocatore ha rifiutato. A questo punto, con il nuovo contratto, gli garantiamo gli allenamenti con un tecnico professionista ma non insieme alla prima squadra. Con la scadenza a giugno, purtroppo, il potere contrattuale della Juve pari a zero, ma valutiamo se possibile intervenire a gennaio”. Il futuro di Amauri sar all’estero, in Francia o Spagna.






Articoli