Calciomercato Juventus: Elia e Krasic possono tornare utili? -

Due delle poche note stonate della Juventus di questa stagione, anche in ottica calciomercato, riguardano Eljero Elia e Milos Krasic. Due giocatori utilizzati col contagocce da Antonio Conte per motivi diversi: l’olandese non ha quasi mai convinto il tecnico, che ha cambiato diversi moduli dall’inizio della stagione esludendo di fatto l’esterno dal sistema di gioco; il serbo, invece, ha sprecato malamente le chances concesse dall’allenatore salentino offrendo prestazioni al limite della decenza, lontano parente dei primi sei mesi bianconeri dell’anno scorso.

Dopo il pareggio interno col Chievo (il quarto nelle ultime cinque gare di campionato) la Juventus chiamata ai tre punti contro il Bologna in un campo non facile. E a questo punto si possono lanciare delle provocazioni: Elia e Krasic possono tornare utili? L’esterno orange costato 9 milioni l’estate scorsa, Beppe Marotta ha portato avanti a lungo la trattativa con l’Amburgo e ci si chiede se sia giusto che dopo un’operazione del genere e dopo sole due presenze in campionato (contro Catania e Roma) il giocatore sia finito ai margini della squadra.

Stesso discorso vale per Krasic. Marotta ha cercato senza successo acquirenti nel calciomercato di gennaio e febbraio, puntando molto sulla Premier League e sul campionato russo. Anche perch il dg bianconero avrebbe chiesto 15 milioni per l’ex giocatore del Cska. Dopo la buona stagione dell’anno scorso (in cui va detto che il serbo stato uno dei pi positivi) ci si domanda se forse non sia il caso di rispolverare l’esterno.

Molto dipende da Conte, che ha plasmato una Juve camaleontica, capace di adottare moduli e sistemi di gioco diversi. Nel 3-5-2 utilizzato nelle ultime apparizioni, difficilmente Krasic ed Elia troverebbero spazio. Discorso diverso vale per il 4-3-3 o per il 4-2-4 (o 4-4-2, dipende come si vuole interpretarlo): con questo schieramento i due “grandi esclusi” potrebbero trovare gloria dopo tanta panchina e soprattutto tanta tribuna.

Anche perch, senza mettere piede in campo, i due esterni si svaluterebbero notevolmente andando a pesare nell’ottica del prossimo calciomercato estivo. Difficile trovare club che sborsino lo stesso denaro investito dalla Juve per i loro acquisti. Dopo le “disperate” cessioni di giocatori come Felipe Melo e Amauri (tanto per citarne qualcuno recente), Marotta vorrebbe evitare altre minusvalenze.

Certo, se Conte non li sta schierando praticamente mai, vuol dire che qualcosa non ha funzionato. Il tecnico chiede disciplina tattica, aspetto che n Krasic n Elia sembrano in grado di soddisfare. Ma altrettanto vero che in passato hanno fatto vedere buone cose: il serbo con la maglia del Cska e nei primi mesi di Juve e l’olandese con l’Amburgo erano tra i giocatori pi richiesti d’Europa. A volte in questi casi basta poco per invertire la tendenza.

Comunque sia, ai due non mancherebbero gli estimatori in Europa: Krasic sarebbe seguito da tempo dal Bayern Monaco, Elia un giocatore che ha lasciato buoni ricordi in Bundesliga. Tocca alla Juve, o meglio a Conte, sceglie se ridarre fiducia, cos come tocca a loro ricambiarla sul campo. In modo da allontanare quegli spettri da evitare: la tribuna fino al termine della stagione, divenendo cos “zavorre” per il prossimo calciomercato bianconero.

Marco Pagliari – .it






Articoli