Mercato: Santos frena per Robinho. Pato al Corinthians. Peluso alla Juve -

<strong>MILANO</strong>  -  Raul Meireles apre all'Inter, poi fa marcia indietro. Il centrocampista lo fa attraverso le pagine di del turco 'Haber Gazete'. "Ho sempre onorato la maglia del Fenerbahce, ma non so quanto potrò ancora restare. Credevo di fare un'avventura diversa qui, ho ancora un contratto, ma l'anno prossimo mi piacerebbe parlare con la società e capire cosa è meglio fare. Ho sempre giocato con orgoglio per questa maglia, ma la situazione ora è cambiata", afferma d'impeto il portoghese, salvo poi tornare sui suoi passi giurando amore al Fenerbahce: "Il mio nome è stato accostato a diversi club, ma voglio rispettare il contratto che ho firmato". La verità è che il centrocampista vuole lasciare la Turchia, ormai la situazione è diventata insostenibile. Per questo è stato offerto all'Inter, che proprio in questi giorni sta valutando la questione. Su Meireles pesa l'indisciplina in campo: 11 sono le giornate di squalifica ricevute dal giudice sportivo per un presunto sputo indirizzato ad un arbitro.<br />Resta in stallo, ma verso l'addio, la situazione di Wesley Sneijder. Alla corsa all'olandese si è aggiunto il Liverpool, che ha già avuto contatti con il centrocampista. Ostacolo: l'ingaggio. L'Inter a questo punto potrebbe decidere di adottare il consueto metodo interista, cioè pagare parte del compenso di Sneijder.<br /><br /><strong>ROCCHI, VISITE MARTEDI' - </strong>Il vice Milito sbarca tra due giorni a Milano. Lazio e Inter hanno trovato l'accordo per Tommaso Rocchi: i nerazzurri sborseranno 800mila euro. L'ormai ex capitano della squadra di Petckovic è atteso martedì a Milano per le visite mediche e per la firma.<br /><br /><strong>PELUSO-JUVE E' FATTA -</strong> La Juventus ha chiuso l'affare Peluso. L'ufficialità manca, ma a questo punto è un dettaglio. I bianconeri hanno raggiunto un accordo con l'Atalanta. Il nerazzurro va alla corte di Conte in prestito con diritto di riscatto. Ecco le cifre: 1 milione subito, 4 a giugno per il riscatto. Il 2 gennaio è attesa l'ufficializzazione del primo acquisto di Marotta e Paratici.<br /><br /><strong>L'AGENTE DI PATO: "ABBIAMO SCELTO IL CORINTHIANS"  -</strong>  Gilmar Veloz, procuratore di Pato, interviene dal Brasile a gelare le speranze dei tifosi del Milan di rivedere l'attaccante in maglia rossonera: ''Fin dall'inizio, cioé quando abbiamo deciso di tornare in Brasile, Pato e io abbiamo scelto il Corinthians", ha dichiarato l'agente del 'Papero'. "Se la trattativa andrà a buon fine, sarà qualcosa che abbiamo pianificato da tempo  -  rivela Veloz ai media brasiliani - ci auguriamo che tutto vada bene, ne abbiamo già parlato con Galliani e lui ha capito le nostre ragioni. Ha capito che per Pato è il momento di vivere un'esperienza da un'altra parte: abbiamo scelto il Corinthians e ci hanno ricevuto molto bene, facendo tutto ciò che era possibile affinché le cose si concretizzassero. Mancano alcuni dettagli fra i due club ma non compete dire a me quali siano''. Stando a fonti interne al club campione del mondo, ci sarebbe già una data per la presentazione ufficiale di Pato, ossia il 12 gennaio. <br /><br /><strong>SANTOS, CIFRE ALTE PER ROBINHO</strong> - Oggi il Milan riprende ad allenarsi. Massimiliano Allegri troverà Alexandre Pato, ma non Robinho in Brasile fino al 2 gennaio. La cessione del Papero è ormai completata (l'annuncio è atteso per il 3 gennaio), per quella di Robinho manca poco. A fare il punto sulla trattativa ci pensa il vicepresidente del Santos, Odilio Rodrigues: "Quella per Robinho è una trattativa molto difficile, le cifre in ballo sono alte. Sappiamo che lui è un nostro idolo e ha voglia di tornare qui, ma bisogna stare attenti. Quante possibilità ci sono di prenderlo? Diciamo che al momento è tutto complicato  -  si legge su Sportmediaset -, c'è troppa differenza tra offerta e richiesta. I giornali scrivono solo di Robinho e Montillo (argentino del Cruzeiro ndr), ma non stiamo dietro solo a questi due nomi. Lo staff tecnico ci ha dato molte indicazioni, non solo quelle su Robinho e Montillo. Abbiamo la certezza che rinforzeremo la squadra, ma stiamo lavorando a varie ipotesi". In ogni caso la più probabile è quella che porta al rossonero. Per il reparto avanzato i nomi caldi sono quelli di Didier Drogba e Mario Balotelli. Piace anche Josip Ilicic. Sul giocatore dopo la chiusura di Maurizio Zamparini ("Non lo vendo"), arrivano anche quelle del vice presidente del Palermo, Guglielmo Micciché a radio Time: "A gennaio non andrà via. La squadra non può perdere un giocatore così importante. Milan? Potremmo parlarne a giugno".<br /><br /><strong>ASTORI VALUTA IL MILAN </strong>- Il difensore del Cagliari nel mirino di Milan e Napoli, in conferenza stampa spiega: "Un mio addio? Da quando sono al Cagliari ho sempre parlato con la società di eventuali sviluppi di mercato, poi si fanno le valutazioni tutti insieme. Sinora ho sentito solo delle voci, in questo momento sono concentrato esclusivamente sulla squadra. Questa era la stagione nella quale avrei dovuto dare continuità alle mie prestazioni, purtroppo si sono verificati dei problemi di varia natura che hanno complicato il tutto".<br /><strong><br />ROMA NIENTE MERCATO - </strong>Da Orlando dove i giallorossi sono in ritiro invernale il ds Franco Baldini fa il punto sul mercato di gennaio a Sky: "La squadra è giovane, talentuosa e credo forte. Possiamo competere facilmente fino a fine stagione con questo gruppo e dunque senza fare grossi cambiamenti. Specialmente a metà stagione, il mercato spesso è per squadre che hanno disperata necessità di fare acquisti e noi non l'abbiamo".<br /><strong><br />LUGANO DICE ADDIO AL PSG -</strong> Chiuso dalla concorrenza, il difensore Diego Lugano si separa dal Psg. <br />"Lunedì torno in Europa e lì ci saranno delle novità", dice l'uruguagio proseguendo: "Non so ancora se partirò, ma il mio periodo parigino si chiuderà a gennaio. Mi ha fatto piacere giocare di nuovo, era molto che non scendevo in campo". Il futuro di Lugano è in Spagna, direzione Malaga.<br /><br /><strong>GUARDIOLA, NO AL CITY </strong>- Secondo le indiscrezioni riportate dai tabloid inglesi, Pep Guardiola, nel corso di un incontro con Txiki Begiristain, ds del Manchester City, avrebbe rifiutato l'offerta del club dello sceiocco Mansour. Guardiola sembra aver scelto: la prossima panchina sarà quella del Manchester United al posto di Alex Ferguson.<br /> <br /> <br /><br /> 




Articoli